Followers

Follow by Email

Translate

My YouTube

Loading...

Labels

Abbondanza AlchimiaNatura Animazione Armani AromaZone Arte Attirance Autoproduzione Aveda Awards Bagno Bagnoschiuma BalsamiCorpo Basics BBCream BemaBio Benefit Benessere BestOf BibliotecaPagana Bioalchemilla Bioearth BiofficinaToscana Biolù Blush Books BottegaVerde Bronzer Buff'd Capelli Casa CCCream Chanel China Glaze Chrimaluxe Cipria Clarins Collezioni Collistar ContornoOcchi Corpo Correttori CosmesiNaturale Creatività CremeColorate CremeCorpo CremeMani CremeViso CuradeiCapelli CuradeiPiedi CuraDelCorpo CuradelleMani CuraDelViso DahliaNoir Deborah Decluttering Deodoranti Detergenti Dior DolceGabbana Dove Downshifting Dramatag E.l.f. EauDeToilette EcoBio Ecologia ElementalBeauty EllisFaas Empties Erborian Esfolianti Essence Eventi Eyeliner Fard FengShui FigheCosì Fissatori Fitocose Fondotinta FOTD Fotografia Fragranza Fragranze Garnier GelDoccia Giveaway Givenchy Gloss Gratitudine HomeDecor Homemade IdeeRegalo IlGiardinodiArianna Ispirazioni IsseyMiyake Kiko L'Erbolario L'Oréal Labbra LaListaNera LaSaponaria Lavera Layering Letteratura Lettura Letture Libri Lifestyle Lilith'sCave LilyLolo Link-o-rama LipGloss LizEarle Look Lush MAC Madina MadMinerals MagicPeeling Make-Up Make-upBasics MakeUpForEver Mani Manicure Mascara MaschereViso MatiteOcchi Mavala Milano Minerale MineralFlowers MUFE Musa'sBox Musica MyBeautyBox Naarei NailArt Natale NeveCosmetics NeveMakeUp NicolaiLilin NOTD O.P.I. Ombretti OmniaBotanica Orly OrrorieMeraviglie Paganesimo Palette Parfum Pavia Pedicure PhotoADayChallenge Photodiary PiccoleCose Piedi Pigmenti Poesia Politica Postilosi Preferiti Premi Profumi Profumo Prosperità Pupa RawGaia Recensioni Regali Remedia Revlon Rituali Rossetti SaloneContempora SalvietteStruccanti Sante Sapò Saponi Scrub Sephora Shampoo Shiseido Shopping SkinCare SmallThings Smalti SmaltimentoProdotti Spiritualità Stile Struccanti Suhada Tag TeaNatura Terre TheAllNaturalFace TheBodyShop TimBurton Tonici Top5 Trucco TruccoMinerale Tutorial Unghie UrbanDecay Vampire Video Viso VitaPersonale VivaLaNails WishList YesToCucumbers Yogi Box YSL Yule YvesSaintLaurent

Le Fedelissime

giovedì 6 ottobre 2011

Di Downshifting, Decluttering e Diventare Se Stessi - Parte Seconda.

source: Pinterest

Questo è il secondo di una serie di post che toccheranno l'argomento cosmesi e make-up solo in maniera estremamente marginale e che tratteranno invece più da vicino la mia vita personale e le mie riflessioni su alcuni argomenti per i quali ultimamente ho notato crescere l'interesse attorno a me. Se non siete interessate ci vediamo alla prossima recensione o al prossimo make-up del giorno, se invece avrete la curiosità e la pazienza di avventurarvi nella scoperta di questa nuova serie buona lettura!

Come dicevo nel primo post di questa serie certe scelte hanno un prezzo, e oggi è proprio di quanto costa farle che vorrei parlarvi. Partiamo dal presupposto che il prezzo che ho pagato io per cambiare il mio modo di vivere è stato soprattutto di ordine materiale, dal momento che per il resto ho pressoché solo beneficiato delle scelte che ho fatto.
La conseguenza più ovvia della scelta di lavorare in proprio, e lavorare sensibilmente meno, è che guadagno molto meno: non posso più comprarmi tutti i trucchi/vestiti/accessori che vorrei, non posso più cenare fuori ogni giorno, non posso più viaggiare alloggiando in magnifici alberghi. Ma vi stupirà sapere che quando puoi alzarti all'ora che vuoi e fare solo quello che ti piace, improvvisamente queste cose non contano più nulla. e si è talmente felici per altre cose che il desiderio di accumulare oggetti diminuisce esponenzialmente. Quando faccio la spesa devo stare molto più attenta alla cifra che spenderò, quindi non posso più riempire il carrello con qualunque cosa stuzzicante mi capiti a tiro... Però ho il tempo di pensare ogni giorno a quello che desidero mangiare, e quello di farmi il pane o lo yogurt o la torta in casa, come non riuscivo a fare da anni. Il mio balcone è pieno di piante sempre bellissime e dal lavoro esco sempre col sorriso, anche perché ho la fortuna di poter lavorare molto poco. Posso dedicarmi ai miei animali che salvo rari casi non si sentono mai soli, e non mi manca mai il tempo di nutrirmi di film, libri, musica e di coltivare le mie amicizie. Sono finalmente riuscita a dedicarmi allo yoga e alla danza, cosa che desideravo da sette lunghissimi anni e che il lavoro frenetico mi impediva di raggiungere. Se mi vengono le mestruazioni e sto così male che non c'è antidolorifico che tenga, quel giorno posso decidere di stare in casa a non fare niente, se non stare a mollo nella vasca piena d'acqua bollente e sedere sul divano a pensare, con una tazza di tisana fumante in mano e il cane vicino, che mi fa le coccole. Per rendere possibili tutte queste belle cose, in aggiunta alle scelte fatte è stato necessario anche iniziare a pensare al futuro in maniera diversa: in casa siamo io e il mio compagno (più un cagnolone e sette gatti, di cui tre piccini e due prossimi alla partenza verso altre famiglia, il che ce ne lascerà comunque ben cinque tutti da coccolare), che ha fatto una scelta analoga alla mia e anche se lavora (e guadagna!) ben più di me può comunque scegliere quando e come lavorare. Abbiamo deciso entrambi di puntare sull'arte per farne un lavoro - lui fa il tatuatore - il che è molto bello per molte ragioni, come avete letto, ma fa anche sì che guadagnamo giorno per giorno, non abbiamo mai uno stipendio fisso né un'idea precisa di quanto ci entrerà in tasca quel mese, e se ci ammaliamo o andiamo in vacanza e quindi non lavoriamo non guadagnamo, e per finire le prospettive di una pensione sono ben più ridicole che per il resto degli italiani. Ecco quindi un piccolo elenco delle decisioni pratiche che abbiamo preso, in parte solo perché la pensiamo così, in parte solo perché si è reso necessario a causa del lavoro che facciamo.

  • Viviamo in una casa in affitto e non abbiamo alcuna intenzione di comprarne una. Questo prima di tutto perché non vogliamo essere legati a un posto da una casa: abbiamo in mente di trasferirci all'estero tra qualche anno (anche e soprattutto per ragioni come questa o questa) e non è detto che sarà una decisione definitiva o che non vorremo di nuovo cambiare paese, perciò sarebbe gravoso ogni volta dover rimandare un cambiamento desiderato perché si deve aspettare di trovare un acquirente per la casa. Inoltre, non ci piace affatto l'idea di indebitarci per decenni e di dover regalare soldi alle banche (istituzioni che disprezziamo con tutto il cuore) per ripagare gli interessi. L'affitto sarà regalare soldi ai proprietari dell'immobile, certo, ma insieme alla libertà di lasciare la casa quando si vuole offre la libertà da varie spese di manutenzione come la maggior parte delle spese condominiali o quelle legate a tubi rotti e simili, e per finire l'affitto si può detrarre dalle tasse.  Al momento non abbiamo intenzione di fare dei figli, ma anche se dovessimo cambiare idea confidiamo nel fatto che la nostra eventuale prole sarà in grado di cavarsela anche senza la casa ereditata da mamma e papà.
  • Non abbiamo la macchina e non abbiamo alcuna intenzione di comprarne una. Ci muoviamo quasi sempre a piedi, in bici o con i mezzi pubblici e quando non è proprio possibile chiediamo in prestito la macchina a amici o parenti. Questo annulla del tutto o quasi le spese legate a rate per l'acquisto dell'auto, assicurazione, bollo, revisioni, meccanico, e benzina (che paghiamo solo quando ci prestano la macchina perché ovviamente in quel caso riempiamo noi il serbatoio). 
  • Entrambi abbiamo un solo cellulare, e non ci interessa sostituirlo con l'ultimo modello di I-phone/Smartphone disponibile sul mercato. Abbiamo il computer e non pensiamo che ci serva anche l'I-pad o che dobbiamo cambiare i nostri vecchi pc per l'ultimo modello di MAC. Non abbiamo il telefono in casa e non abbiamo la televisione, e non ci interessa averla. Questo annulla del tutto le spese legate a canone RAI o abbonamento SKY. Per i telefoni abbiamo entrambi delle schede ricaricabili con tariffe vantaggiose, per la connessione internet usiamo una chiavetta, sempre ricaricabile. Questo significa che non abbiamo obblighi mensili e se per una volta non avessimo i soldi potremmo semplicemente non ricaricare le schede per quel mese (ma mi sento di rassicurarvi sul fatto che questa eventualità non si è mai verificata).
  • Siamo abbonati a un servizio fornito da una cooperativa altoatesina che consegna a domicilio frutta e verdura bio, il che costituisce la maggior parte della nostra spesa ogni settimana e che ha un prezzo fisso, che ci permette quindi di sapere in anticipo quanto spenderemo esattamente per quel mese. Facciamo il resto della spesa al discount, con l'eccezione dei detersivi che compriamo ecologici e ricaricabili al Naturasì, e di carne, pesce e uova che prendiamo direttamente da allevatori vicini a noi. Cerchiamo di autoprodurre il più possibile, quindi facciamo spesso pane, dolci e yogurt in casa, e sul mio balcone coltivo la maggior parte delle piante aromatiche che uso per cucinare (basilico, prezzemolo, lavanda, peperoncino, timo, rosmarino, maggiorana...).
  • Viaggiamo sempre senza l'aiuto delle agenzie, prenotando da soli aerei e hotel, il che annulla lo spreco dovuto alla percentuale richiesta dall'agenzia per il proprio lavoro. 
  • Io provvedo da sola per tutto ciò che riguarda la cura della persona: uso il Silk-èpil, faccio da sola sopracciglia, manicure e pedicure, taglio e tingo da sola i capelli.
  • Per gli animali utilizziamo il cibo sfuso che troviamo nel nostro negozio di fiducia, che ci permette un grosso risparmio ed è anche ecologico.
Questi sono solo alcuni esempi di come è cambiata la nostra vita sul fronte pratico. Da un punto di vista meno materiale, essere costretti a spendere meno ti porta a comprendere che tante cose che ritenevi indispensabili non lo sono affatto, il che per me ha implicato oltre a un piccolo e positivissimo shock una sorta di disprezzo verso gli oggetti accumulati in tanti anni di vita frenetica nonché la buona abitudine di smettere di comprare cose inutili, anche una volta che mi sarebbe stato di nuovo possibile farlo. Ma questa è forse un'altra storia, e ve ne parlerò quindi nel prossimo post...

    14 commenti:

    Anonimo ha detto...

    Interessantissimo!

    Manuki ha detto...

    Come sai condividiamo molti di questi punti.
    Alcune cose per me sono diverse semplicemente perchè sono più anni che lavoro e ho creato un po' di clientela (solo per chi non mi conosce: il mio lavoro non ha nulla a che fare con il makeup).
    Per il resto concordo pienamente e parlo da autoproduttrice convinta! =)

    Siboney2046 ha detto...

    Mi è piaciuto molto questo post. Si può condividere o meno le vostre scelte di vita, ma resta il fatto che la vostra filosofia è molto affascinante!

    LaDamaBianca ha detto...

    "...si è talmente felici per altre cose che il desiderio di accumulare oggetti diminuisce esponenzialmente".

    E' stato bello venire qui, leggere questo post, capire qualcosa in più su di te. Avete un bel modo di vivere, forse alternativo, ma si sente da come scrivi che vi calza a pennello, quindi complimenti di cuore. Non è da tutti saper raggiungere un equilibrio.

    Euforilla ha detto...

    Fricchettona mia ti loWo.
    (Un commento sciocchino per fare da contrappunto al tuo post ispirante!)

    goddessinspired ha detto...

    @Anonimo grazie!
    @Manuki spero infatti tra qualche anno di avere anch'io un bel giro di clientela eheheh!
    @Siboney mi fa piacere che abbia apprezzato questo post, come dici giustissimamente si possono o no condividere le nostre scelte... In effetti i tre quarti dei nostri amici ci ritengono un po'matti, ahahah!
    @Dama grazie per questo tuo messaggio bellissimo, credo che lo incornicierò! :P
    @Euforilla grazie mia hippiecompagna! :*

    Lanterna ha detto...

    Dall'Inspirational Bellydance all'Inspirational Blogging! :-)))))

    goddessinspired ha detto...

    @Lanterna ahahah... Stiamo prendendo derive pericolose!

    Patri - LAismydream ha detto...

    Come sempre anche in questo caso, il post è molto interessante e ammetto che mi ha aiutato per delle scelte che non sapevo bene come fare. Se non ricordo male mi sembra che ti avevo detto del problema del mio fidanzato e della sua misera entrata mensile grazie alla pensione di invalidità (270 euro al mese), ebbene è sempre un problema gestire questi soldi perché per quanto andiamo a fare la spesa al discount e un pò dai servizi sociali è sempre difficile arrivare a fine mese, quindi per il momento finché anche io non trovo un lavoro bisogna fare i salti mortali; però se riesco a trovare una piccola entrata anche io possiamo mettere in pratica alcuni dei tuoi consigli.
    Anche a noi non interessa avere gli ultimi modelli di cellulare o pc, a casa sua non c'è telefono e non c'è internet, alcuni agricoltori della zona già lo aiutano per quanto riguarda frutta e verdura quindi in parte già li seguiamo, speriamo di riuscire anche a mettere in pratica il resto.

    Veronica ha detto...

    l'unica cosa che mi sento di aggiungere, nonostante sia stata già evidenziata dai commenti, è che ti voglio fare i miei complimenti. purtroppo (e parlo per me) il fatto di possedere materialmente delle cose (che vanno dall'ultimo iphone o chi per esso) viene considerata ormai una prassi, un passo necessario per sentirsi 'parte di un qualcosa'. a volte si dimenticano le piccole cose, che poi piccole non sono e anzi, ti riempiono il cuore molto di più dell'ultimo modello di macchina/mac/iphone o altro. è bello leggere questi post e capire come tu sia riuscita a costruire la tua vita senza ciò che ormai molti di noi ritengono necessario. ti faccio ancora i miei più grandi complimenti, dal profondo del cuore.
    Veronica xx

    Hermosa ha detto...

    Post interesante: condivido nella pratica alcune scelte come il ridurre gli sprechi e l'attenzione agli acquisti, altre vorrei ma non posso (vivo fuori cittá e i mezzi hanno orari tipo treno per Hogwarts) altre ancora nemmeno vorrei (ho comprato casa, caricandomi un mutuo praticamente eterno. Ció non toglie che per motivi simili ai tuo andrei via anche domani potendo. La fitterei). In generale peró condivido la non passivitá nello scegliere la propria vita: purtroppo ne vedo tante di persone in giro che vivono la vita che gli è capitata...Buona serata!

    goddessinspired ha detto...

    Ragazze vi ringrazio davvero tutte per i vostri commenti così entusiasti: è bello grazie a questo piccolo spazio che per la maggior parte del tempo parla di futilità poter scoprire anime affini anche in qualcosa di un po'più profondo... Mando a tutte voi un grande abbraccio virtuale!

    Theallamenta ha detto...

    mi ero persa questo post bellissimo.
    come sai aono sulla strada del "lo faccio o non lo faccio? e se sì, cosa???" e leggerti è illuminante. Condivido questo stile di vita, anche io sono per l'autoproduzione il più possibile, indipendentemente dallo stipendio che entra in casa.
    che dire? ti ammiro, tanto, infinitamente.

    goddessinspired ha detto...

    @Theallamenta io ti ringrazio invece, e ti dico che se ho deciso di pubblicare questa serie di post è stato un po'anche pensando a te. Un abbraccio!

    Posta un commento

    Thank you, I love your comments! :)