Followers

Follow by Email

Translate

My YouTube

Loading...

Labels

Abbondanza AlchimiaNatura Animazione Armani AromaZone Arte Attirance Autoproduzione Aveda Awards Bagno Bagnoschiuma BalsamiCorpo Basics BBCream BemaBio Benefit Benessere BestOf BibliotecaPagana Bioalchemilla Bioearth BiofficinaToscana Biolù Blush Books BottegaVerde Bronzer Buff'd Capelli Casa CCCream Chanel China Glaze Chrimaluxe Cipria Clarins Collezioni Collistar ContornoOcchi Corpo Correttori CosmesiNaturale Creatività CremeColorate CremeCorpo CremeMani CremeViso CuradeiCapelli CuradeiPiedi CuraDelCorpo CuradelleMani CuraDelViso DahliaNoir Deborah Decluttering Deodoranti Detergenti Dior DolceGabbana Dove Downshifting Dramatag E.l.f. EauDeToilette EcoBio Ecologia ElementalBeauty EllisFaas Empties Erborian Esfolianti Essence Eventi Eyeliner Fard FengShui FigheCosì Fissatori Fitocose Fondotinta FOTD Fotografia Fragranza Fragranze Garnier GelDoccia Giveaway Givenchy Gloss Gratitudine HomeDecor Homemade IdeeRegalo IlGiardinodiArianna Ispirazioni IsseyMiyake Kiko L'Erbolario L'Oréal Labbra LaListaNera LaSaponaria Lavera Layering Letteratura Lettura Letture Libri Lifestyle Lilith'sCave LilyLolo Link-o-rama LipGloss LizEarle Look Lush MAC Madina MadMinerals MagicPeeling Make-Up Make-upBasics MakeUpForEver Mani Manicure Mascara MaschereViso MatiteOcchi Mavala Milano Minerale MineralFlowers MUFE Musa'sBox Musica MyBeautyBox Naarei NailArt Natale NeveCosmetics NeveMakeUp NicolaiLilin NOTD O.P.I. Ombretti OmniaBotanica Orly OrrorieMeraviglie Paganesimo Palette Parfum Pavia Pedicure PhotoADayChallenge Photodiary PiccoleCose Piedi Pigmenti Poesia Politica Postilosi Preferiti Premi Profumi Profumo Prosperità Pupa RawGaia Recensioni Regali Remedia Revlon Rituali Rossetti SaloneContempora SalvietteStruccanti Sante Sapò Saponi Scrub Sephora Shampoo Shiseido Shopping SkinCare SmallThings Smalti SmaltimentoProdotti Spiritualità Stile Struccanti Suhada Tag TeaNatura Terre TheAllNaturalFace TheBodyShop TimBurton Tonici Top5 Trucco TruccoMinerale Tutorial Unghie UrbanDecay Vampire Video Viso VitaPersonale VivaLaNails WishList YesToCucumbers Yogi Box YSL Yule YvesSaintLaurent

Le Fedelissime

giovedì 25 ottobre 2012

Deo Roll-on Biofficina Toscana


Il breve post di oggi è dedicato a questo deodorante ecobio, dall' INCI impeccabile, che ho acquistato qualche tempo fa dal Giardino di Arianna. Si tratta di un prodotto veramente delicato sulla pelle, la consistenza è cremosa ma non troppo e si stende a meraviglia grazie al classico applicatore a sfera, e anche grazie all' ottimo profumo agrumato e balsamico insieme lascia una bella sensazione di freschezza. Purtroppo l' azione di questo deodorante è valida ma non durevole, resta un buon prodotto rispetto alla media dei deodoranti ecobio che ho provato, ma durante le lezioni di danza o in giornate di lavoro particolarmente lunghe o movimentate è capitato spesso che questo deodorante mi tradisse, smettendo decisamente di deodorare. Per questo, nonostante il prezzo di 6,90€ per 50ml che non trovo altissimo, non lo ricomprerò. Non mi fa sentire sicura e per terminarlo l' ho portato con me al lavoro, da tenere nell' armadietto in caso possa servire qualche piccolo ritocco al termine di una giornata in negozio. Mi sento di consigliare questo deodorante a chi cerca un prodotto delicato ed ecologico e non ha una vita particolarmente attiva o ha una sudorazione davvero minima, per tutti gli altri è presto in arrivo la recensione del mio nuovo Sacro Graal dei deodoranti verdi! 

Voi avete provato questo deodorante dal profumo delizioso? Su di voi si è rivelato efficace, o come per me non è stato abbastanza?

martedì 23 ottobre 2012

Animazione #4 - Pure Poison e MAC Fluidline in Macroviolet.

Dopo un po' di tempo torno a mostrarvi una delle animazioni proposte al lavoro, devo dire che questa non l' ho trovata malvagia, sia perché adoro il viola in tutte le salse, sia perché almeno c' entrava un minimo con un prodotto di vendita ed era coerente con la sua ispirazione, sia perché il colore sulle labbra era scelto da noi perciò ho potuto cambiare almeno quelle di giorno in giorno e mi sono sentita meno triste.



Il facile tutorial per realizzare questo make-up lo trovate nel video soprastante, qui volevo invece parlarvi in maniera un po' più approfondita di uno dei prodotti che ho usato sugli occhi, il Fluidline di MAC nel colore Macroviolet. E' un viola prugna scuro e leggermente shimmer, una volta indossato la luminescenza si nota poco, mentre benché il colore sia scuro si nota che è decisamente un viola, non sembra nero come capita a volte con gli eyeliner di colore simile a questo. 



La consistenza e la durata come per tutti i fluidline da me provati sono ottime, inoltre ho questo prodotto da un sacco di tempo ed è rimasto immutato dal giorno dell' acquisto a oggi. Il suo unico neo per me sta nell' applicazione, come potete notare dagli swatches infatti quando si va ad applicare il prodotto con un pennello è come se il colore rimanesse slavato. Di fatto è come se il colore si posasse attorno al pennello, perciò lascia delle righe e per ottenere una linea di colore piena ed omogenea dovete ripassarci sopra almeno due o tre volte, come forse potete notare anche nel video. Diversamente, la linea si vede ma come vedete in foto è come se al centro rimanesse un vuoto di colore. Questa tinta mi piace così tanto che continuo comunque a usarla serenamente, spendere un minuto in più per mettere l' eyeliner non è un problema per me, tanto più che non è la prima volta che mi capita di constatare che il viola è spesso un pigmento problematico in molte formulazioni. Tuttavia non è senz' altro il migliore dei fluidline in cui investire i 18,00€ che costa. Acquistatelo solo dopo averne testato la consistenza e la stesura in negozio e aver capito se per voi sono accettabili, e se proprio siete innamorate di questa tonalità.




Prodotti Utilizzati

Viso
Mineralissima Foundation 2.75
Armani Master Corrector n° 2 Apricot
Too Faced Primed and Poreless
Deborah Blush n° 46 Rosa Pesca

Occhi
NYX Jumbo Eye Pencil in Milk
Urban Decay Book of Shadows vol. III (I <3 NYC) palette
Pupa Ombretto l.e. Folk Waves (numero sconosciuto causa depottamenti vari)
MAC Fluidline in Macroviolet
Urban Decay 24/7 Glide on Eyepencil in Zero
Essence Mascara I <3 Extreme
MAC Eyeshadow in Handwritten (per le sopracciglia)

Labbra
MAC Lacquer in Varneesh

Che ne pensate dell' animazione di questa settimana? Trovate anche voi che non sia orrida come al solito? Avete provato il Macroviolet, o qualche altro fluidline di MAC?

Fighe Così.

source: We Heart It

 Una decina di giorni fa la mia cara Hermosa ha scritto un post che mi ha dato da pensare. Ero già pensierosa a causa di un suo post precedente, e il mio rimuginare è aumentato, le idee si sono sovrapposte, poi si sono aggiunti i commenti a entrambi i post, il risultato è che sono due settimane o giù di lì che ho intensi monologhi interiori che oggi ho deciso di esteriorizzare, perciò adesso ve li sciroppate anche voi, poverette. Preparatevi perché questo articolo sarà lunghissimo e probabilmente sconclusionato, io vi ho avvisate.

Le mille domande che mi ronzano in testa sono cose tipo: perché noi donne diamo tanta importanza all' aspetto esteriore? Perché ci guardiamo più spesso attraverso gli occhi degli altri che attraverso i nostri? Cosa significa per noi essere belle, essere fighe? Perché ci sono tante donne che pensano che accettarsi come si è sia un ripiego o una forma di pigrizia, o talvolta addirittura una forma subdola di negazione? Perché troviamo sempre qualcosa di noi che non ci piace? E soprattutto, da cosa si origina la nostra idea di bellezza?

Cominciando dal principio, affermo (ovviamente e forse ingiustamente generalizzando) che diamo molta importanza all' aspetto esteriore per tutta una serie di esperienze, che non starò a elencare qui per intero affinché questo post non diventi lungo quanto La Bibbia: mi limiterò a parlare dell' esempio che più di recente mi ha fatto formulare questo pensiero, e cioè proprio il succitato post di Hermosa su Nigella Lawson, con relativi commenti. Ma soprattutto il post, con relativi commenti, che Hermosa linkava nel suo. Premesso che quello della Lawson non mi pare un dimagrimento poco sano, ciò che mi inquieta è tutta la gente che si è messa lì a dispiacersi per la cosa. Perché lei era un simbolo, perché lei era bellissima anche prima, perché sicuramente per dimagrire ha dovuto smettere di apprezzare tutto quel burro e quel caramello in piena notte. Ma davvero si può usare il corpo di una donna come simbolo di qualcosa? Sarà un suo sacrosanto diritto decidere di se stessa e stabilire cosa è bello per lei? E soprattutto, che accidenti ne sapete voi di cosa ha mangiato o non mangiato per dimagrire? Magari ha solo iniziato a mangiare in maniera un po' più sana, magari ha iniziato ad andare in palestra. Io peso quarantuno chili e mangio come un bue, e se c' è una cosa che ho sempre detestato nel corso della mia vita sono stati i ripetuti "come sei magra, ma mangi?" da parte di vari conoscenti. Insomma, erano le curve di Nigella a definirla come bella donna? Adesso forse non è bella? O magari è la sua personalità scoppiettante che si traduce nel suo approccio così libero al mangiare a renderla bella? Sarebbe fantastico, eppure troppe parole mi fanno pensare che molte persone badino, appunto, solo all' apparenza. Erano il suo seno, il suo sedere e i suoi zigomi pieni a farvela vedere come un simbolo? Perché prendere un seno e un sedere come simbolo, piuttosto che un insegnamento, quello di godersi il buon cibo con gioia? E perché assumere che se spariscono un po' di curve anche l' approccio al cibo debba essere necessariamente cambiato? Sotto la lettera aperta a questa donna era tutto un fiorire di "per carità, è bella anche adesso, ma prima..." e si sprecano i commenti dei vari uomini inneggianti alla bellezza delle curve. Intendiamoci, io sono una fautrice delle curve, personalmente le donne mi piacciono più morbide che magre, ma è una cosa mia, soggettiva, e trovo che nessuno abbia il diritto di discutere sul corpo di un' altra donna in questo modo. Nessuno, mai. 

Ovunque mi giri vedo canoni di bellezza imposti da una parte o dall' altra. Premesso che non voglio entrare nel discorso disturbi alimentari, che è una faccenda complessa e delicata che non mi sento di affrontare in questa sede, noto diversi modi di rapportarsi a questi canoni: le donne grasse vogliono essere magre, perché oggi si sa, magro è bello. Anche le donne di media costituzione e le donne magre (perché Cristo, se avete la 42 siete magre, a meno che non siate alte quaranta centimetri) vogliono essere più magre, perché più magro è ancor più bello. Ho avuto legioni di compagne di liceo e di università, taglia 42, perennemente a dieta, osservare i loro sensi di colpa nel mangiare più di quanto si fossero prefissate mi ha sempre angosciato come poche cose al mondo. Ci sono le donne formose che "curvy è bello" che però poi scherzosamente ti dicono "ti odio perché mangi così tanto e sei così magra". Ma come, curvy non era bello? Mi si dirà che io parlo bene perché sono magra, certo. Ma ci sono anche le donne magre o più magre che non vogliono essere più in carne, ma benché magro sia bello loro vogliono di più, vogliono le forme al posto giusto: io ho fatto per anni parte di questa categoria. Sono alta 156 cm e porto la 38, ma mi sono spesso angosciata perché al posto della mia bella seconda di reggiseno avrei voluto minimo una taglia in più. Perché si sa, per essere fighe non basta essere magre, bisogna essere magre E con le tette grosse. Questo per dire che, benché io abbia un fisico che tendenzialmente rientra nel canone di bellezza che va per la maggiore nella nostra società, anche io per decenni non mi sono mai piaciuta. A un certo punto mi son fatta una ragione della questione tette, e a quel punto il problema è stato la cellulite. Si, quel filo di cellulite lì sul mio sedere che, modestamente, è molto bello. Mi ha angosciato per mesi quella cacchio di cellulite, ho pensato di andare a correre, mi sono persino iscritta in palestra. Io odio correre, e odio andare in palestra. Non trovate che sottoporci a cose che odiamo fare per corrispondere a un canone sia una cazzata di proporzioni inusitate? Io trovo di si. Perciò, quando ho iniziato a capirlo, molte cose hanno iniziato a cambiare, e lentamente ho cominciato a scoprire una nuova categoria, quella delle donne che vogliono essere esattamente come sono: generalmente nessuno crede loro quando dicono che si piacciono così, oppure sono considerate donne che non hanno voglia di sbattersi per essere belle o peggio donne che se la tirano, perché sta male quando si chiacchiera tra donne non enumerare nemmeno un difetto che riteniamo di avere, e ammettere candidamente che ci si ritiene fighe così. 

E' indubbio che ci siano dei limiti oltre i quali essere troppo grasse o troppo magre non è sano, e non c' è dubbio che se si è oltre questi limiti sia bene lavorare sul proprio peso per riportarlo a un livello salutare, in un senso e nell' altro, per questioni puramente di salute che niente hanno a che fare con la bellezza. Ma entro questi limiti, perché non smettere per un attimo di guardare al nostro aspetto e fermarci invece a guardare dentro, a capire con tempo, fatica e attenzione quale davvero è l' immagine a cui NOI sognamo di corrispondere? Insomma, chi ha deciso e quando che per essere belle bisogna essere magre e non avere la cellulite? Ora mi direte che l' avete deciso voi, che è a voi che piacerebbe essere così, ma se davvero è così vi siete chieste perché? 

Io dopo lungo pensare ho concluso che, così come non era farina del mio sacco voler avere un lavoro di prestigio, non lo era volere un corpo senza cellulite e con le tette grosse. Ho capito che non è che a me non piacesse quella cellulite, è che avevo paura non piacesse al resto del mondo. Così ho iniziato a smettere di andare in palestra per avere gli addominali scolpiti e il culo tonico; adesso ci vado solo perché mi piace danzare e perché lo yoga mi fa sentire bene fisicamente e mi dà pace ed energia. La cellulite ce l' ho ancora, e me la tengo allegramente senza nemmeno più provare una crema. E per dirne un' altra, inorridite pure, ho anche smesso di depilarmi l' inguine visto che ho una pelle così sensibile che la ceretta mi faceva sanguinare tutte le volte, e poi ho scoperto che alla vera me piace di più il boschetto incolto, come quello delle donne dei nudi vintage. Si, ho il boschetto vintage e non mi vergogno a dirlo, né mi interessa minimamente cosa possiate pensare voi tutte di questo scabroso segreto. E piano piano ho scoperto che, sebbene sembri un cliché, è tutto qui, nel piacersi, nell' accettarsi sul serio, con le tette piccole, la cellulite sul culo e il boschetto vintage. Conosco donne canonicamente bellissime, alte, magre, con un sedere tonico e perfetto e il seno abbondante il giusto (e che, non posso testimoniarlo, ma secondo me hanno anche il boschetto perfettamente depilato), che si sentono molto meno fighe di me e che rimorchiano mille volte meno di me, e non sono meno intelligenti o talentuose: semplicemente, si apprezzano di meno, anche se loro sono delle fighe canoniche e io una nanetta magrina, senza tette e con la cellulite. 

Ed è piacersi che cambia le cose, è piacersi il vero magnete non solo per gli uomini ma per la felicità. Perché la strada del piacersi è lastricata di cose nuove da imparare, attività da fare, passioni da scoprire, talenti da sviluppare, soprattutto è fatta di guardarsi dentro, guardare allo spirito e non al corpo, mettere le mani nelle cose più belle e più brutte di noi, valorizzare quelle belle e confrontarsi con quelle che non ci piacciono per capire quali vanno semplicemente accettate e quali invece vanno trasformate. Non sono così ipocrita da dire che l' importante è essere belli dentro, se fosse così girerei vestita di un sacco di juta senza preoccuparmi del mio aspetto, ciò che sto dicendo è che la cosa importante è capire chi siamo e partire da lì, anche per trasformare il nostro corpo se capiamo che è ciò che davvero desideriamo. Si può cercare cento volte di raggiungere il peso ideale, ma se non è quello il vero problema quando l' avrete raggiunto sarete daccapo, ci sarà qualcosa di nuovo che vi farà sentire a disagio. Anche perché possiamo smettere per una volta di ignorare che millenni di patriarcato hanno lavorato duramente per far sentire noi donne perennemente inadeguate? Non prendiamoci in giro, per quanto siamo emancipate abbiamo sempre qualche vocina dentro che ci dice che in fondo dobbiamo essere belle, e che sono gli altri a decidere cosa è bello e cosa no. Mettiamo a tacere certe voci una volta per tutte, dico io, e anziché affannarci a raggiungere il corpo ideale spendiamo prima del tempo a trovare la nostra, di voce.

Io sono una qualunque che, siccome fa parte di quelle che si piacciono (o che se la tirano, se preferite), ha ritenuto un dovere morale farvi questo pistolotto, perché sto tanto meglio ora rispetto a quando mi preoccupavo delle tette, di avere il culo tonico e depilarmi il boschetto. E siccome sono anche una donna del fare (cit.) ho anche tutta l' intenzione di ammorbarvi in futuro con consigli pratici su come fare a trovarla, questa voce interiore. Se non siete morte di noia prima, nel leggere questo post.

Intanto, nell' attesa dei suddetti consigli pratici che poi magari nemmeno vi interessano perché dopo questo post mi ritenete un' idiota, lancio ufficialmente il movimento Fighe Così (il copyright del nome però non va a me ma a lei, come potete leggere qui, perciò potrebbe cambiare se la legittima proprietaria dell' idea ritenesse), e aspetto nei commenti qui sotto impressioni, idee e insulti dalle vostre voci interiori.

lunedì 22 ottobre 2012

Tag 100 Domande!

Ho trovato questo tag sul blog di Dony e l' ho trovato davvero carino, bando alle ciance ed ecco quindi le mie cento risposte!

1.Nome? Giada.
2.Soprannome? Giaia, Mucchietto. 
3.Numero di candeline sull'ultima torta di compleanno? 27, ma i 28 sono imminenti, ahimè!
4.Data in cui spegni quelle candeline? 8 novembre.
5.Segni particolari? Gran rompipalle, puntigliosa e leggermente ossessivo-compulsiva.
6.Luogo di nascita? Firenze.
7. Altezza? 156 cm, si può definire "altezza"...?
8.Colore degli occhi? Nocciola.
9.Colore dei capelli? Castano chiaro, hennati di rosso.
10.Numero di scarpe? 37-38, dipende dalle scarpe.
11.Occhiali? Di solito porto le lenti a contatto, ad ogni modo occhiali o lenti mi toccano sempre, mi mancano otto diottrie per occhio!
12.Hai piercing? Si, all' ombelico e sotto la lingua, li avevo anche al capezzolo e al labbro ma li ho tolti, quello al capezzolo mi manca un sacco, era il mio preferito!
13.Tatuaggi? Si, un ouroboros sul braccio sinistro e due draghi in stile vichingo, prossimamente inframezzati da rune, su tutta la schiena.
14.Animali domestici? Quattro gatti e un cane così problematico che vale per dieci.
15.Ti piace il tu lavoro? Gente, lavoro da Sephora e come make-up artist freelance, potrebbe non piacermi il mio lavoro?
16.Ti sei mai ubriacata? Countless times. L' ultima volta martedì scorso.
17.Ti sei mai innamorata? Si.
18.Hai già amato qualcuno al punto di piangere? Si.
19.Hai mai avuto incidenti in macchina? Fortunatamente no.
20.Hai mai avuto incidenti in moto? No.
21.Vino rosso o vino bianco? Entrambi, ma che il rosso sia rigorosamente fermo.
22.Coca Cola o Pepsi? Nessuna delle due.
23.Lemonsoda o Oransonsoda? Nessuna delle due, limonata e spremuta d' arancia da agrumi veri!
24.Caffé normale o macchiato? Non posso bere il caffè, mi fa venire la nausea e la tachicardia.
25.Caffè zuccherato o amaro? Vedi sopra.
26.Zucchero normale o di canna? Integrale.
27.Coperta o piumone? Piumone, sono la creatura più freddolosa che io conosca.
28.Lasciare o essere lasciati? Lasciare.
29.Colore dei calzini? Pastello, o a righe colorate.
30.Numero favorito? 7.
31.Film preferito? Non saprei sceglierne uno, ma il primo che mi viene in mente è Il favoloso mondo di Amélie.
32.Citazione? "Non ragioniam di lor, ma guarda e passa".
33.Computer o Play Station? Computer.
34.Giorno della settimana? Quello in cui sono libera.
35.Canzone preferita attuale? Through her Eyes dei Dream Theater.
36.Canzone preferita? Non potrei mai sceglierne una sola...
37.Programma televisivo? Non ho la televisione, ma amo i documentari e quel programma di cui ignoro il nome in cui un team crea delle case bellissime per famiglie cui sono toccate le sfortune più disparate. Ammetto che mi piace solo la parte del remake della casa, lo so, sono un mostro.
38.Telefilm preferito? Buffy.
39.Cartone preferito? Versailles no Bara, Tengen Toppa Gurren Lagann, Nana.
40.Hai mai nuotato nudo/a? Si, ed è bellissimo.
41.Cocktail preferito? Mojito e Bloody Mary.
42."Sogno o son desto"? Sogno anche quando son desta.
43.Sport praticati? Danza orientale, tribal fusion, hatha yoga.
44.Sport preferito da vedere dal vivo? Rugby.
45.Sport preferito da vedere alla TV? Non ho la tv, ma tra quelli che vengono trasmessi amo guardare il pattinaggio artistico su ghiaccio e la ginnastica ritmica.
46.Pasta o pizza? Entrambe, ma non troppo spesso.
47.Come ti vedi da qui a 10 anni? Felice, e capace di fare bene molte cose.
48.Cosa fai quando ti senti giù? Mi faccio un thè e chiamo le amiche.
49.Parolaccia che dici più spesso? Cazzo, credo.
50.Frase che dici più spesso? Fuck yeah!
51.Cosa odi? La mediocrità, la superficialità, la mancanza di coraggio, il volersi uniformare a tutti i costi.
52.Chi non sopporti? L' italiano medio, gli ipocriti, i bugiardi, le persone che pensano solo alle apparenze.
53.Qual è la cosa più bella che esiste? Restare sempre fedeli a se stessi.
54.A che ora vai a dormire? Dipende dai giorni, ma rarissimaente prima di mezzanotte.
55.Destrorso/a o mancino/a? Ambidestra per molte cose, ma scrivo con la destra.
56.Segno zodiacale? Scorpione, ascendente Sagittario.
57.Punto debole? L' eccessivo perfezionismo.
58.Ricordo più brutto? Una storia che mi ha spezzato il cuore, e le cose di me che ho perso nella rottura.
59.Ricordo più bello? Ne avrei a palate ma mi vengono in mente subito la prima volta che ho danzato col velo, una notte di intesa e musica, la prima volta in cui Matteo mi ha detto "ti amo", la prima volta che Zoe si è lasciata coccolare e ha fatto le fusa, il giorno in cui abbiamo preso questa casa...
60.La migliore qualità? L' integrità.
61.Il peggior difetto? La pigrizia.
62.Qualità che ti riconoscono? La schiettezza, l' intelligenza, la profondità.
63.Difetto che ti attribuiscono? La pigrizia, l' egoismo.
64.Di cosa hai paura? Di non sviluppare il mio potenziale.
65.Un obiettivo? Saper fare bene tutte le cose che amo, e imparare la costanza.
66.Il tuo primo pensiero la mattina? "Wolfie, che palle, dai, ancora cinque minuti, poi ti portiamo fuori..."
67.L'ultimo pensiero prima di andare a letto? "Amore, abbracciami".
68.La prima cosa che guardi in una persona del sesso opposto? Lo sguardo.
69.La qualità che cerchi in una persona del sesso opposto? La capacità di guardarsi dentro e di lavorare su di sé per risolvere i problemi.
70.Sai cantare? Si, immodestamente sono piuttosto brava.
71.Credi in te stesso/a? Dipende dalle situazioni.
72.Pensi di essere attraente? Altrettanto immodestamente, si.
73.Vai d'accordo con i tuoi genitori? Abbastanza, anche se cn mia madre c' è un rapporto di folle amore e folli litigate...
74.Suoni uno strumento? Ho suonato il pianoforte per molti anni, ma ho smesso e ora lo strimpello a malapena; il pianoforte richiede costanza e devozione come poche altre cose. Sto imparando a suonare i sagat, anche se ancora non sono capace di ballare nel frattempo.
75.A che età il primo bacio? 13 anni.
76.A che età la prima volta? 16 anni.
77.Nome preferito? Lara, Lavinia, Anais, Aglaja, Inanna, Alessandro, Viola.
78.Nome che odi? Non me ne viene in mente nessuno al momento, probabilmente li odio al punto che la mia memoria opera una rimozione selettiva.
79.Meglio tentare ma poi pentirsi o non tentare e rimpiangerlo? Assolutamente tentare.
80.Credi nel destino? Credo che ci siano lezioni che siamo destinati ad imparare, come questo succede però siamo noi a deciderlo.
81.Credi in Dio? Ciecamente, ma il mio concetto di divino è senz' altro poco canonico.
82.Sangue freddo o caldo? Entrambi, al momento giusto.
83.Inverno o estate? Autunno e primavera.
84.Mare o montagna? Entrambi, in stagioni diverse.
85.Sai chiedere scusa? Si, ma solo se credo davvero di essere in torto.
86.Sei permaloso/a? Non sono permalosa, rancorosa si però...
87.Cosa cambieresti di te? La perenne inquietudine, e la pigrizia.
88.Hai mai rubato? Una volta, ma per sbaglio, avevo tredici anni e alla cassa hanno dimenticato di farmi pagare un gelato, me ne sono accorta fuori e non ho avuto il coraggio di andare dentro a dirglielo. Ora che ci penso... Che scema!
89.Ami il rischio? Se è utile, lo affronto.
90.Sai stare sola? Si, anzi, forse in certi momenti stare da sola mi piace fin troppo.
91.Sei felice? Si.
92.Vuoi avere figli? Al momento assolutamente no, ma lascio un piccolo spiraglio al mai dire mai.
93.Matrimonio o convivenza? Convivenza, ma non sono completamente contraria all' idea del matrimonio con la persona giusta.
94.Essere o apparire? Essere, fino in fondo.
95.La bella o la bestia? La bella E la bestia.
96.Sai abbassare la testa? Mai. Mi disegnano così.
97.L'emozione che più ti tocca? La rabbia cieca, rare volte ma indimenticabili, quella che ti inquina le giornate. Ma anche l' amore incondizionato che ti danno gli animali. O la percezione del sacro che posso avere camminando in una foresta incontaminata.
98.Cosa non faresti mai? Mai dire mai.
99.Tre desideri al genio della lampada? Un cambiamento radicale e positivo nella direzione verso cui va il mondo, tutti i soldi necessari a stare tranquilla per sempre, e la trasformazione di Wolfie in un cane sereno, socievole e non aggressivo con gli estranei.
100.Ti sei rotta le palle a rispondere a queste domande? No, mi sono divertita e anche un po' guardata dentro!
Anche voi trovate carino questo tag? Mi fate sapere con un commento qui sotto se lo fate anche voi? Sono curiosissima di leggere le vostre risposte!

domenica 21 ottobre 2012

Musa' s Box.

source: Pinterest

E' domenica ed è il momento per la lista delle cose belle della settimana che sta finendo. Ho passato giornate stancanti ma davvero intense e piene di energia e felicità, quindi la Musa' s Box di questa settimana sarà bella piena!

  • Leggere Sholeh Zard sotto le coperte.
  • Andare da Ikea con Nightfall dei Blind Guardian a tutto volume in macchina.
  • Ordinare finalmente un divano  grande e morbidissimo e la cucina che abbiamo sempre desiderato: con l' isola!
  • Montare i mobili di Ikea tutta sola, stancarmi un sacco, ma sentirmi una gran figa e avere una stanza magnifica in poche ore.
  • La nuova scrivania che desideravo, postazione perfetta per scrivere, bloggare ed editare i video.
  • Una bella postazione per registrare i tutorial, che desideravo da anni, con uno spazio per ogni cosa e la luce migliore possibile.
  • Risistemare la mia stanza dei colori, dando finalmente un posto a ogni cosa e progettando arte.
  • L' incenso.
  • Pulire a fondo la casa con la musica a tutto volume.
  • I Morphine, gli Skunk Anansie di una volta, e ancora e sempre Scenes from a Memory dei Dream Theater.
  • Infinite boards di Pinterest su cani, gatti, elementi, thè...
  • La sciarpa viola che continua ad allungarsi.
  • Una notte di passione.
  • Una cena buonissima a casa di amici, millemila risate, ma soprattutto il Disney Sing Along con i topini di Cenerentola.
  • Progettare una giornata di shopping con una cara amica di cui sento un sacco la mancanza.
  • Avere il coraggio di chiedere agli amici di non farmi regali a Natale o al compleanno, o di farmi quantomeno regali davvero utili.
  • Stare dodici ore filate in negozio di mia sponte, e non sentirle. E poi farlo di nuovo, sentirle, ma essere talmente soddisfatta del mio lavoro che non m' importa di sentirle.
  • Una sbronza tra amiche, segreti, risate, racconti di un passato che sembra quasi un' altra vita, conferme, soddisfazioni, e le stelline negli occhi.
  • Una splendida foto da Johannesburg, solo per me.
  • I press samples della nuova linea alla Pesca di Vigna di The Body Shop.
  • Un paio d' ore a ridere e danzare, cimbali alla mano, con la darbouka dal vivo. Vero amore.
  • Samhain che si avvicina.
  • Le gonne ampie e morbide.
  • Wolfie che fa il bravo se ci sono io a rassicurarlo.
  • Il thè caldo, a ogni ora possibile.
  • Le nuove amicizie.
  • Svuotare completamente la casella di posta.
  • Buffy, per l' ennesima volta, e goderselo come la prima.
  • Un pacco dalla Sardegna con un libro nuovo, la marmellata di cavoli rossi e cipolle rosse, e il mio amato torrone di Tonara.
  • Preparare con amore una cena stramba, creando salsine come una piccola alchimista.
  • L' ordine ai limiti dell' ossessivo-compulsivo al lavoro.
  • Altri video, altri post, e tutti i bellissimi commenti a riguardo.
  • Betty Swann che gioca come una scema con i pon pon, girando in tondo all' infinito e muovendo le zampette per aria.
  • Le mie sei amatissime bestie (quattro gatti, un cane, un fidanzato).
Non c'è che dire, è stata davvero una bella settimana, e penso anche di essermi dimenticata qualcosa visto che per i molti impegni non ho fatto in tempo a segnare le cose quotidianamente come faccio di solito! 

Anche la vostra settimana è stata così bella? Cosa merita di far parte della vostra lista questa domenica?

venerdì 19 ottobre 2012

FOTD #22 e Yves Saint Laurent Ombres 5 Lumières n° 11.


Il look di oggi è uno smokey frutto di un mix tra alcuni dei miei colori preferiti, viola, teal e ottanio in varie declinazioni. L'ho realizzato usando principalmente una bellissima palette di Yves Saint Laurent che mi sono regalata la scorsa primavera, la n° 11 degli Ombres 5 Lumières, che sfoggiava un cocktail di tonalità a cui non ho saputo assolutamente resistere.




Purtroppo la foto non rende giustizia ai colori, tutti più intensi dal vivo e che qui sono un po' spenti dalla luce autunnale che imperversa qui nel pavese. Gli ombretti sono tutti estremamente iridescenti, con microglitter dal riflesso leggermente più chiaro della tonalità cui appartengono, e hanno tutti una consistenza molto setosa. Applicati senza base, però, non si possono guardare. Voilà.




Non si possono guardare letteralmente, nel senso che a malapena si vedono, come potete notare. Se però usiamo una base, anche di qualità infima, ecco che la magia si compie...




Tutta un' altra cosa, non trovate? Purtroppo di nuovo la foto non rende giustizia ai colori, in particolar modo si perdono i bellissimi riflessi dei primi due colori da sinistra, i miei preferiti. Ad ogni modo la foto è abbastanza per farvi notare che con una base questi ombretti sono una bomba. La durata è ottima sia senza primer che con il primer, anche se personalmente vi sconsiglio di usarli senza anche perché non solo scrivono poco, ma durante l' applicazione il suddetto microglitter vi cammina allegramente per la faccia. Il difetto più grande di questa palette è ovviamente nel prezzo, costa infatti la barbarità di 48,90€: con una cifra inferiore vi comprate una qualunque palette Urban Decay con molti più colori che peraltro scrivono in maniera impressionante anche da asciutti. Io sapevo bene a cosa andavo incontro quando l' ho acquistata perché ho potuto provarla con calma in negozio con e senza base, e l' ho comprata principalmente perché i colori sono davvero splendidi. Ovviamente poi potendo usufruire di uno sconto dipendenti anche il prezzo barbaro si è abbassato parecchio. In definitiva, se riuscite a passare sopra al prezzo esorbitante, se siete abituate a usare gli ombretti sopra un primer  e se come me adorate le tonalità proposte potete senz' altro apprezzare questa palette, i colori meritano davvero e sono facilmente abbinabili in tanti modi. Quello che vedete nella fotd di oggi è solo uno dei tanti, di cui trovate anche un tutorial sul mio canale YouTube.


Infine, ecco un dettaglio del trucco occhi da cui forse riuscite ad apprezzare un po' meglio la resa della palette. Potete farvi un' idea di come sia l' applicazione guardando il video soprastante.


Prodotti Utilizzati

Viso
Naarei Fondotinta Naturale Anti-età
Neve Cosmetics High Coverage Fondotinta Light Neutral
Neve Cosmetics Colore Multiuso Passion Fruit
Too Faced Primed and Poreless Powder

Occhi
NYX Jumbo Eye Pencil in Milk
Yves Saint Laurent Ombres 5 Lumières n° 11
MAC Fix+
MAC Pigment in Moonlight Night
The All Natural Face Gel Pot Liner in Screaming Purple
Kiko Glamourous Eye Pencil n° 409
Neve Cosmetics Biomatita Pastello in Bosco
Lavera Volumizing Mascara
Yves Saint Laurent Mascara Singulier n° 4
MAC Eyeshadow in Handwritten (per le sopracciglia)

Labbra
Essence XXXL Lip Gloss in Rock On

Che ne pensate del look di oggi, anche voi amate gli smokey colorati? Le tonalità di questa palette piacciono tanto anche a voi? Siete disposte a spendere tanto per dei colori che vi fanno impazzire, o c' è una linea rossa che non varcate mai per degli ombretti?


lunedì 15 ottobre 2012

La mia base ecobio.

In questo nuovo video vi mostro come realizzare una base estremamente semplice ma d' effetto, usando solo ed esclusivamente prodotti dall' INCI verdissimo. Quando mi trucco non rinuncio mai a quei cinque minuti almeno da dedicare al viso perché appaia luminoso, uniforme e curato, piuttosto trascuro gli occhi applicando solo un filo di mascara ma trovo che una base ben fatta sia la chiave per un aspetto riposato.


Prodotti Utilizzati
Anche voi come me date molta importanza alla base quando vi truccate, o puntate piuttosto sugli occhi se avete poco tempo? Preferite truccare il viso con prodotti naturali o per voi non c' è differenza?

domenica 14 ottobre 2012

Musa' s Box.

source: Pinterest
Dopo più di qualche settimana finalmente riesco a trovare un po' di tempo per riconnettermi con le piccole gioie quotidiane e soprattutto per riassumerle in una bella Musa' s Box. Ho deciso di spostare la cadenza di questa rubrica dal venerdì alla domenica, visto che ormai con i ritmi del lavoro avverto molto la fine della settimana canonica. Ecco dunque la mia lista di cose belle della settimana che volge alla fine:
  • Le nuove responsabilità al lavoro, e i complimenti.
  • Essere tra gli otto semifinalisti del Fragrance Master.
  • Il thè caldo e le tisane bollenti, a litri, ogni giorno.
  • Il sushi.
  • Riprendere a fare la maglia con una bella lana viola, caldissima.
  • Tornare su YouTube.
  • Le candele profumate nella mia stanza.
  • L' incenso.
  • Riscoprire il divertimento di giocare coi trucchi.
  • Un giro in centro per conto mio, tagliarmi i capelli, fare un po' di shopping, curiosare nel negozio della lana pianificando gli acquisti futuri, mangiare una crèpe calda impiastricciandomi di nutella, come i bambini.
  • Le chiacchiere con le amiche.
  • Matteo.
  • Realizzare pienamente alcune cose di sé, anche se fa male.
  • Mettere in ordine, ma non troppo.
  • Le piccole soddisfazioni sul blog e sul canale.
  • Ridere a crepapelle con le colleghe.
  • La danza, sempre e comunque.
  • Le mie rose, di colori e bellezza indefinibili.
  • Le lunghe telefonate con le amiche.
  • Le farfalle nello stomaco.
  • Comprare la guida di Londra e iniziare a immaginare un viaggio.
  • Le idee che si accumulano.
  • Gli ombretti di mille colori.
  • Sex and the City.
  • Fare acquisti su Amazon.
  • Trovare immagini stupende su Pinterest.
  • Lasciarsi ispirare.
  • I mille progetti che uno alla volta prendono forma, con calma.
  • Le mie sei amatissime bestie (quattro gatti, un cane, un fidanzato).
E voi avete avuto una buona settimana? Quali cose, piccole o grandi, scrivereste in una lista come questa?

sabato 13 ottobre 2012

Naarei Fondotinta Naturale Anti-età*

Oggi inauguro una serie di recensioni sul brand ecobio Naarei, che mi ha gentilmente inviato alcuni prodotti da provare. Vi incollo qui sotto un' immagine, tratta dal loro sito, che sintetizza alla perfezione la politica del marchio e vi rimando poi per qualunque altra informazione al suddetto sito, molto ben fatto, mentre io mi limiterò a parlarvi delle mie opinioni sui prodotti da me testati.


Oggi comincio col parlarvi del fondotinta naturale antietà. Si tratta di un fondotinta liquido proposto per tutti i tipi di pelle che promette una coprenza modulabile da leggera a media, effetto bonne mine e un' azione idratante e antietà.


Come vedete  il packaging, in plastica riciclata, è grazioso ed essenziale, il prodotto fuoriesce con una semplice pressione sul contenitore ed è facile dosarlo secondo il proprio gusto per evitare sprechi. L' INCI, che vi posto di seguito, è perfetto e con un uso costante del prodotto potrete sperimentare tutti i benefici di tanti ingredienti buoni.


Indossare questo fondotinta infatti è estremamente confortevole, vi sembrerà di non averlo, la pelle è sempre morbida e idratata e l' incarnato appare sano e luminoso. Non posso pronunciarmi sull' effetto anti-età perché non avevo rughe su cui lavorare o zone del viso da rassodare, ma sicuramente questo fondotinta fa anche da trattamento contribuendo davvero all' idratazione prolungata della pelle. L' idratazione non è eccessiva ma è tangibile perciò trovo che questo prodotto potrebbe essere poco adatto alle pelli grasse, mentre lo consiglio spassionatamente a qualunque altro tipo di pelle. La coprenza, come promesso da Naarei, è modulabile da leggera a media, qui ho sperimentato quello che è a parer mio l' unico difetto di questo fondotinta e cioè il fatto che per ottenere una coprenza media ci vuole una bella quantità di prodotto: io dopo un mese di utilizzo quotidiano ero già arrivata a metà della confezione. La coprenza però è buona e il finish stupendo, qui sotto due foto del prima e dopo l' applicazione.

prima 
dopo
Non trovate anche voi che sia bellissimo? Rimane luminoso ma non lucido, l' effetto è naturalissimo ma la pelle è davvero uniformata e tutte le piccole imperfezioni vengono coperte a sufficienza. Ho provato a stenderlo sia con le dita, sia con la spugnetta sia con il pennello e quest' ultimo è il metodo che preferisco. Con le dita infatti è più facile che si creino accumuli qua e là mentre con la spugnetta si spreca tantissimo prodotto che le finisce all' interno per non uscirne mai più; il pennello invece stende il fondotinta alla perfezione e non se ne spreca nemmeno un grammo. Il prezzo per 30 ml va grosso modo dai 25 ai 30€ a seconda di dove lo acquistate, io l' ho scovato qui a 24,60€. La mia opinione sul prezzo è incerta: è ben più basso di quello medio per un fondotinta di marchi di lusso come Chanel, Dior o Lancome, notoriamente formulati con un sacco di schifezze e che secondo me non hanno alcun valore aggiunto rispetto all' effetto finale di questo prodotto sulla pelle, ma senza dubbio uno dei suddetti fondotinta dura molto più a lungo vista la quantità necessaria se volete come me una coprenza media. Diverso è se vi basta una coprenza leggera, per ottenere la quale vi basta un filo di questo prodotto. E' vero anche però che la durata di questo fondotinta è impressionante, qui sotto vi metto due foto del look -completo e dopo aver asciugato i capelli- che ho realizzato lo stesso giorno in cui sono state scattate le foto del prima e dopo, la prima è stata fatta di mattina, appena applicato il fondotinta e realizzato il trucco, la seconda alla sera, a circa dieci ore di distanza e dopo una giornata decisamente intensa. Vedete qualche differenza, a parte la luce?

h 10.00
h 20.30

In definitiva un po' del prodotto che sparisce a causa della grande quantità necessaria si recupera col fatto che la durata è impressionante e non sono mai necessari ritocchi. Per me quindi il prezzo resta alto ma comunque perfettamente in linea col mercato, e spenderei volentieri questa cifra per un prodotto ben formulato ed efficace come questo.

Voi che ne pensate? Anche voi preferite spendere un po' di più per un prodotto ecologico e più buono per la pelle? Avete provato questo fondotinta o qualche altro prodotto di Naarei? Vi siete trovate bene come me?

*i prodotti contrassegnati con l'asterisco sono omaggi ricevuti a scopo di valutazione. Non sono vincolata in alcun modo a parlarne, non sono pagata per farlo, non sono affiliata ad alcuna azienda e quelle che esprimo sono sempre e comunque le mie oneste e personali opinioni, non influenzabili in alcun modo.

giovedì 11 ottobre 2012

Orrori e Meraviglie - Settembre 2012.


Finalmente sono riuscita dopo mesi a riprendere a registrare qualche video, dopo disavventure tecnologiche varie, videocamere disastrate, e i mille tentativi per creare nella nuova casa una postazione adatta a filmare. Ecco quindi il grande ritorno della serie Orrori e Meraviglie in collaborazione con la mia cara LadyMija, di seguito un elenco dei prodotti di cui vi parlo questo mese.

Orrori
Meraviglie
Avete provato qualcuno di questi prodotti? Le vostre opinioni a riguardo coincidono con le mie o avete avuto esperienze diverse? Quali sono i prodotti che più avete amato e odiato nel mese appena finito?

*i prodotti contrassegnati con l'asterisco sono omaggi ricevuti a scopo di valutazione. Non sono vincolata in alcun modo a parlarne, non sono pagata per farlo, non sono affiliata ad alcuna azienda e quelle che esprimo sono sempre e comunque le mie oneste e personali opinioni, non influenzabili in alcun modo.

martedì 9 ottobre 2012

Compleanno e Comunicazione di Servizio 3.0.

Carissime, poche righe per farvi sapere che proprio oggi questo blog compie due anni esatti. Vi ringrazio per avermi seguito in questi due anni, sempre e comunque, per aver letto tutti i miei deliri cosmetici e non, per aver animato queste pagine fino a oggi con tutti i vostri preziosi commenti, per l' attenzione che dedicate a quello che scrivo più o meno costantemente in questo piccolo spazio. Soprattutto ringrazio voi e quest' esperienza perché inaspettatamente da queste pagine in cui si parla prevalentemente di frivolezze ho tirato fuori tante amiche, persone interessanti con cui condivido molto più che l' amore per una crema o un rossetto. Vi ricordo il mio giveaway in cui ho messo insieme qualche piccolo regalo per ringraziarvi anche praticamente per tutte queste cose, e colgo l' occasione per segnalarvi che sono finalmente anche su Facebook, con la pagina dedicata a Personalità Multiple, sarei molto felice di ritrovarvi tutte anche lì, e per chi lo usa sappiate che ho creato anche un account su Twitter, anche se ancora devo capire bene come si usa... Ce la posso fare, che dite?

Shampoo Girasole e Arancio Dolce La Saponaria.


Oggi vi parlo di un prodotto che mi ha convinto definitivamente a passare all' ecobio sempre e comunque anche quando si tratta di capelli. Sono tra le fortunate che non hanno avuto particolari problemi nel passaggio dagli shampoo normali a quelli ecobio, ma finora devo anche dire che non avevo notato grossi benefici ai miei capelli nell' utilizzo di prodotti verdi, perciò la mia scelta in questo campo era motivata da ragioni puramente etiche. Ho provato molti shampoo ecobio ormai, molti non mi sono piaciuti principalmente per la consistenza e la scarsa schiuma prodotta: a una scarsa schiumosità non è necessariamente associato un minor potere lavante, fatto sta che gli shampoo poco schiumosi sui miei capelli hanno sempre lavato poco e male, e inoltre trovo più gradevole un po' di schiuma soffice mentre mi lavo... Lo so, sono una donna frivola. Finora il mio shampoo preferito tra quelli ecobio era quello Lavera al mango, ho provato quello alla mela che dopo i primi felici tempi di utilizzo ha iniziato a farmi venire un prurito tremendo perciò ho dovuto smettere di usarlo, quello alla mandorla che era senza infamia e senza lode, quello di Biolù che per me è stato un fallimento completo e molti altri, ora non li ricordo tutti, e infine sono approdata a questo della Saponaria che ho acquistato nel mio ordine su Il Giardino di Arianna. Ebbene, questo shampoo per me è una bomba. Ha una consistenza perfetta, non troppo liquida ma nemmeno molto gelatinosa come quelli Lavera, un INCI impeccabile, ne basta pochissimo, fa tanta schiuma soffice e vaporosa e lava con delicatezza ma a fondo, i capelli restano puliti a lungo e dopo il lavaggio sono morbidi e lucenti, e ha un fantastico profumo di arancio dolce che tuttavia è molto delicato e non resta a lungo sui capelli. Anche il packaging è grazioso e pratico, il che non guasta mai. Io ho pagato 8€ per 200ml di prodotto e sono soldi che spenderò ancora più che volentieri per questo prodotto che trovo più che valido. Questo shampoo è pensato per capelli secchi, in realtà io ho dei capelli normali ma il Lavera alla mela me li aveva seccati un po' e mi aveva irritato un po' la cute perciò ho scelto questo nella speranza che ristabilisse un po' l' equilibrio, cosa che ha fatto puntualmente. Peraltro, anche ora che la mia testa è tornata alla normalità trovo che questo shampoo vada benissimo per me. Lo consiglio spassionatamente a tutte voi, penso potrebbe essere poco adatto solo se avete capelli particolarmente grassi e quindi avete bisogno di uno shampoo un po' più aggressivo.

Anche voi siete passate all' ecobio sui capelli, o vi trovate meglio coi prodotti tradizionali? Avete provato questo shampoo? Lo amate come me?

lunedì 8 ottobre 2012

Shopping Ecobio - Cosmetici Ecobio.


Oggi vi parlo di un altro bel sito di e-commerce, Cosmetici Ecobio, dal quale potete acquistare trucco e cosmetici ecobio di vario genere con la possibilità di scegliere tra diversi marchi e diverse tipologie di prodotto. Io ho ricevuto gratuitamente da provare lo Shampoo al Ghassoul di Tea Natura e ho acquistato parecchie altre cose:
  • Bema Gel Doccia al Fiore di Loto.
  • Bema Crema Corpo al Fiore di Loto.
  • Acido Citrico Tea Natura.
  • Maschera Viso al Ghassoul Tea Natura.
  • Bema Deodorante Ipnosi.
  • Bagnoschiuma Arancia e Cannella Tea Natura.

Nella foto sopra vedete invece la generosissima scorta di campioncini che ho ricevuto insieme al mio ordine. Io ho pagato con bonifico bancario ma è possibile pagare anche con Paypal, carta di credito e in contrassegno. L' ordine minimo è di 15€ e le spese di spedizione con corriere UPS ammontano a 6,90€ o 12,90€ se si sceglie il contrassegno. La spedizione è gratuita oltre i 69€ di spesa e avviene entro 48 ore, nel mio caso ho ricevuto il pacco il giorno dopo la ricezione del mio pagamento, dopo nemmeno 24 ore. Ho ricevuto il mio ordine in una scatola riciclata, i prodotti erano protetti da carta anch' essa riciclata ed erano imballati perfettamente uno per uno, addirittura sul gel doccia e sulla crema è stato attaccato un pezzo di scotch per evitare che il tappo si aprisse durante il trasporto. Inutile dire quanto ho apprezzato questa cura del dettaglio che trovo traspaia anche dal sito. Ogni sezione infatti è davvero completa e troverete una risposta a ogni domanda che possa venirvi in mente, e se così non dovesse essere potete rivolgervi al servizio clienti, rapido ed efficientissimo, io ho comunicato con la gentilissima Emanuela che è stata sempre disponibile e chiarissima nel darmi tutte le informazioni che ho chiesto. Di tutti gli e-store da cui ho acquistato finora questo è quello che ho preferito, l' unica pecca a mio parere è che bisogna raggiungere una spesa un po' consistente per avere le spedizioni gratuite ma mi sono trovata così bene con il loro servizio che penso che semplicemente farò ordini più grossi più di rado in modo da evitare le spese e ordinare comunque da loro.In definitiva mi sono trovata molto bene nell' acquistare su Cosmetici Ecobio e non ho dubbi che resterò un' affezionata cliente di questo e-store se il servizio sarà sempre di una simile qualità.

Voi avete mai acquistato da questo sito? Anche voi vi siete trovate bene come me? C'è qualche prodotto che vi incuriosisce tra quelli che ho scelto?