Followers

Follow by Email

Translate

My YouTube

Loading...

Labels

Abbondanza AlchimiaNatura Animazione Armani AromaZone Arte Attirance Autoproduzione Aveda Awards Bagno Bagnoschiuma BalsamiCorpo Basics BBCream BemaBio Benefit Benessere BestOf BibliotecaPagana Bioalchemilla Bioearth BiofficinaToscana Biolù Blush Books BottegaVerde Bronzer Buff'd Capelli Casa CCCream Chanel China Glaze Chrimaluxe Cipria Clarins Collezioni Collistar ContornoOcchi Corpo Correttori CosmesiNaturale Creatività CremeColorate CremeCorpo CremeMani CremeViso CuradeiCapelli CuradeiPiedi CuraDelCorpo CuradelleMani CuraDelViso DahliaNoir Deborah Decluttering Deodoranti Detergenti Dior DolceGabbana Dove Downshifting Dramatag E.l.f. EauDeToilette EcoBio Ecologia ElementalBeauty EllisFaas Empties Erborian Esfolianti Essence Eventi Eyeliner Fard FengShui FigheCosì Fissatori Fitocose Fondotinta FOTD Fotografia Fragranza Fragranze Garnier GelDoccia Giveaway Givenchy Gloss Gratitudine HomeDecor Homemade IdeeRegalo IlGiardinodiArianna Ispirazioni IsseyMiyake Kiko L'Erbolario L'Oréal Labbra LaListaNera LaSaponaria Lavera Layering Letteratura Lettura Letture Libri Lifestyle Lilith'sCave LilyLolo Link-o-rama LipGloss LizEarle Look Lush MAC Madina MadMinerals MagicPeeling Make-Up Make-upBasics MakeUpForEver Mani Manicure Mascara MaschereViso MatiteOcchi Mavala Milano Minerale MineralFlowers MUFE Musa'sBox Musica MyBeautyBox Naarei NailArt Natale NeveCosmetics NeveMakeUp NicolaiLilin NOTD O.P.I. Ombretti OmniaBotanica Orly OrrorieMeraviglie Paganesimo Palette Parfum Pavia Pedicure PhotoADayChallenge Photodiary PiccoleCose Piedi Pigmenti Poesia Politica Postilosi Preferiti Premi Profumi Profumo Prosperità Pupa RawGaia Recensioni Regali Remedia Revlon Rituali Rossetti SaloneContempora SalvietteStruccanti Sante Sapò Saponi Scrub Sephora Shampoo Shiseido Shopping SkinCare SmallThings Smalti SmaltimentoProdotti Spiritualità Stile Struccanti Suhada Tag TeaNatura Terre TheAllNaturalFace TheBodyShop TimBurton Tonici Top5 Trucco TruccoMinerale Tutorial Unghie UrbanDecay Vampire Video Viso VitaPersonale VivaLaNails WishList YesToCucumbers Yogi Box YSL Yule YvesSaintLaurent

Le Fedelissime

martedì 25 giugno 2013

Make Yourself at Home...


Oggi avevo voglia di rendere la mia casa, per quanto provvisoria, un po' più mia. Così ho comprato due sciocchezze...


E ora mi godo il profumo di lavanda mentre sistemo un po' e mi rifugio nella voce splendida di Kasey Chambers. Vi regalo una canzone!



lunedì 24 giugno 2013

Small Things.


“Enjoy the little things in life, for one day you'll look back and realize they were big things.”


Robert Brault
 
 


Ci sono giorni in cui mi sento sconnessa, distaccata da tutto e da tutti, in cui quasi mi perdo nelle pieghe del tempo che scorre, incapace di muovermi con un senso o una direzione precisi. Solo dedicarmi alle piccole cose riesce lentamente a ricondurmi a me stessa, e forse il segreto è tutto qui, fare una piccola cosa alla volta, ogni volta in cui mi sento sopraffatta dalle cose grandi. Così ho pensato di fare un elenco delle piccole cose che amo, un piccolo promemoria a cui attingere nel momento del bisogno, uno scrigno pieno di ciò che mi fa bene, sempre. Come...
  • Bere un thè profumato, caldo o freddo a seconda della stagione.
  • Fare una lunga doccia.
  • Accendere candele e incensi in tutta la casa.
  • Fare la maglia con della bella musica in sottofondo.
  • Ballare per casa, come capita, fino a stancarsi.
  • Mettere il profumo.
  • Leggere e lasciarsi rapire, pagina dopo pagina.
  • Fare le coccole al gatto.
  • Scrivere, di getto.
  • Mangiare frutta fresca.
  • Lavarsi il viso con l' acqua fredda e mettere una crema profumata.
  • Guardare un bel film bevendo birra ghiacciata.
  • Fare una passeggiata nel verde.
  • Creare qualcosa con le mani.
  • Cercare immagini e citazioni che siano di ispirazione.
  • Perdermi nel suono del mio tamburo.
  • Curare i miei fiori, guardarli, accarezzarli.
  • Truccarmi in modo particolare.
  • Colorare un mandala.
  • Pulire e mettere in ordine, con lentezza e concentrazione.
  • Cucinare qualcosa sporcandosi le mani.
  • Guardare la luna respirando a fondo.
E nel vostro scrigno cosa c' è? Quali sono le piccole cose che vi rimettono al mondo, quei piaceri solo vostri che potete concedervi sempre, a prescindere da chiunque, quando avete bisogno di tirarvi un po' su il morale o di tornare presenti a voi stesse e ricaricarvi un po'?

domenica 23 giugno 2013

A Volte Ritornano.

E' successo che a novembre Matteo, con cui stavo da quattro anni e mezzo e che così spesso mi avete visto nominare su questo blog, mi ha lasciato, del tutto improvvisamente. Proprio oggi mi è capitato di rileggere ciò che scrivevo qui, meno di una settimana dopo finiva tutto. Per la verità non è finito tutto subito, perché io sono rimasta completamente allucinata, incredula e assolutamente incapace di accettare la sua decisione. Non me l' aspettavo, ecco, vivevo convinta che tutto andasse per il meglio, o almeno cercando di convincermene. E' impressionante quanto spesso i segnali siano tutti lì ma sia impossibile vederli finché non si fa un passo indietro, spesso perché vi si è costretti. Ed è altrettanto impressionante la facilità con cui si tengono in piedi castelli di carta e infelicità, rinunciando consapevolmente alla felicità per paura; paura di cambiare, paura di essere ancora più infelici, paura dell' ignoto. Quando una storia finisce in fondo le responsabilità sono sempre di entrambi, ma all' inizio per me è stato automatico ritenere di avere tutta la colpa: perché ho un carattere così difficile, perché metto sempre me stessa prima di chiunque, perché sono un' eterna insoddisfatta, perché per me le cose facili non esistono, così come i compromessi e le vie di mezzo sono inaccettabili. Ho lottato per mesi in ogni modo che riuscissi a immaginare per salvare questo rapporto, fino a che semplicemente non ce l' ho più fatta, ho esaurito le forze e, peggio, il desiderio di condividere ancora la vita con lui. In questi mesi non è successo molto in fondo, almeno da un punto di vista pratico l' unica cosa che è cambiata è che sono andata a vivere da sola, ma per me sono stati mesi estenuanti, in cui per la maggior parte del tempo ho attraversato le giornate aspettando semplicemente che finissero e ho subìto la vita aspettando che tornasse a piacermi. Mi ripetevo ogni giorno che i problemi veri sono altri e soprattutto non ho quasi mai sentito la mancanza di Matteo, non è mai stato questo il punto, per citare Sex and the City "è così finita tra noi che bisognerebbe inventare una parola nuova per dirlo", ma questa situazione ha scoperto molti, moltissimi altri punti. Deboli. Per me cambiare casa è stato atroce. Lasciare la mia casa stupenda, col giardino enorme e le pareti colorate, le mie stanze con tutte le mie cose, le mura in cui avevo riversato tanti sogni per trovarmi sola in una casa che sentivo e sento estranea, arredata da altri, senza nemmeno un pezzo di terra in cui piantare un fiore mi ha spezzato e mi spezza ancora ogni giorno. Ho passato la vita a spostarmi, a cambiare case e città, e avevo un desiderio disperato di mettere radici, così disperato da accettare di metterle nel posto sbagliato con la persona sbagliata. E' così che ancora mi sento, senza radici, i progetti e i sogni che avevo per la mia vita si sono dissolti in pochi giorni lasciando spazio al nulla che mi ha completamente inglobata. Per mesi sono stata completamente incapace di desiderare, di fare progetti, anche solo di riconoscermi come una persona singola, con delle passioni e delle aspirazioni, per mesi mi sono sentita solo anestetizzata, in balìa di un universo estraneo e spesso crudele nello scandire tempi e impartire lezioni. Perché di lezioni si tratta, e in fondo credo che tutto ciò che è capitato sia solo una parte del durissimo esame che dovrò affrontare per potermi finalmente guardare allo specchio ed essere fiera e felice di ciò che vedo. Lentamente il torpore mi sta abbandonando, sto recuperando l' entusiasmo per le piccole cose, sto ricordando quali sono le cose che in fondo amo, e soprattutto sto ricordando quali sono le cose che voglio. La cosa difficile da affrontare è che non posso averle adesso, anzi, al momento devo farmi andare bene tutta una serie di cose completamente opposte a quelle che desidero, ma sto iniziando ad accettare il fatto che la strada verso i propri sogni possa essere faticosa e anche spiacevole e piena di sacrifici. E la cosa ancora più difficile è credere che io abbia le capacità per farcela da sola, il che poi è un po' il nodo di tutta questa situazione. Poi è anche capitato, in questi mesi, che ho conosciuto una persona. Una persona splendida, per cui ho provato cose che non avevo mai immaginato di poter provare e con cui mi sento sempre a casa, con cui in così poco tempo ho già condiviso esperienze memorabili e parti di me che per un tempo infinito avevo tenuto sepolte. E però, come dicevo e come immaginerete, il tempismo dell' universo non è dei migliori e così non ho idea di dove finirà questa storia, di come questo filo finirà per intrecciarsi alla mia vita, di come farò a superare la paura che mi attanaglia quotidianamente nell' aprirmi a un' altra persona in questa relazione incerta e indefinita. In questo come nel resto il mio unico imperativo al momento è restare presente a me stessa, come se ne andasse della mia vita, e in un certo senso è esattamente così: questo è il momento in cui ho l' opportunità di creare una nuova vita, così sto cercando di non sprecare questa opportunità, spesso con le strategie più bizzarre. Ad esempio, scegliendo di comportarmi in certe situazioni all' esatto opposto di come avrei fatto ieri. Non so bene perché ho vomitato tutte queste cose, personalissime peraltro, in questa pagina; forse perché ho sentito la mancanza di questo blog, non riuscire a scriverci per me è stato una parte importante della situazione che ho vissuto in questi mesi, e non mi andava di tornare come se niente fosse scrivendo un post sull' ultimo rossetto che mi è piaciuto. E anche perché non so se riprenderò a parlare di rossetti in questo spazio. Al momento non mi pare di averne voglia, né so se riuscirò a riprendere a scrivere con regolarità, ma sono abbastanza certa di voler scrivere di cose un po' più varie e, forse, più profonde, la mia voglia di recensire cosmetici al momento è pari a zero. E' probabile insomma che anche qui, in questo spazio virtuale che comunque è uno spazio solo mio, le cose stiano di riflesso cambiando così come sto cambiando io in questo momento così denso, pesante e confuso. Non so se avrete voglia di leggere ciò che avrò voglia di scrivere, va da sé che lo spero perché mi siete mancate, ecco, e per chiudere questo papiro che troverete probabilmente molto sconclusionato aggiungo un ringraziamento a quelle di voi che in questi mesi mi hanno scritto per sapere che fine avessi fatto.Non a tutte ho risposto, ve ne chiedo scusa e spero che questo post mi garantisca la vostra comprensione.